In Su e in Sé

In Su e in Sé

Quando ci si dispone a viaggiare si è mossi soprattutto dal desiderio di ritrovarsi, preceduto dal bisogno, finalmente, di trovare se stessi: individuarsi, riconoscersi nella propria unicità assoluta, mettere insieme i pezzi di sé, al di là di ogni tendenza o di ogni possibilità di frammentazione e di dissoluzione della persona.

Sinossi:
L’alpinismo si rivolge essenzialmente all’andare in su, la psicologia si interessa prevalentemente dell’essere in sé.
In su significa in alto. Seguire un percorso di verticalità, raggiungere una cima, ma significa anche essere su, provare uno stato di euforia, come si può verificare anche durante un’ascensione.
In sé significa raggiungere una condizione di equilibrio psichico e di contenimento emotivo, ma significa anche ritrovare la strada dell’introspezione, individuare la correlazione tra esterno e interno, riconoscere la propria condizione e il proprio mondo intrapsichico attraverso un’esperienza nel mondo circostante.
All’apparenza si tratta di due discipline che non possiedono reciprocità, né articolazioni comuni, tuttavia entrambe condividono un interesse prioritario per il corpo e per la mente, riconoscendoli nell’unità indivisibile e irripetibile dell’individuo in relazione con il mondo.
Il libro propone una rilettura in chiave psicologica di alcuni temi cruciali dell’alpinismo che possono essere individuati in varie dimensioni: esplorativa, ludica, estetica, di ricerca di sé.

Giuseppe Saglio
Cinzia Zola
In su e in sé. Alpinismo e psicologia.
Priuli&Verlucca editori